top of page
persone_edited.jpg

IL FUTURO È
LUMINOSO!

LA SITUAZIONE  ATTUALE

Al momento gli studenti che si trovano a Gagnick non hanno la possibilità di andare oltre un'istruzione secondaria di primo grado, per la mancanza di strutture adibite all'insegnamento di livello superiore. 

Per questi ragazzi continuare gli studi significa necessariamente trasferirsi o rinunciare completamente a questa possibilità.  

Inoltre anche le strutture esistenti non consentono un adeguato svolgimento delle lezioni a causa della puntuale mancanza delle strumentazioni e del materiale didattico necessario. 

IL NOSTRO OBIETTIVO

LA NOSTRA IDEA

GAGNICK

Data la mancanza di un centro per l'istruzione secondaria di secondo grado, il progetto prevede la realizzazione di strutture idonee per lo svolgimento di lezioni atte a fornire ai ragazzi un livello di istruzione corrispondente alla scuola superiore italiana. 

Non verranno realizzate soltanto nuove aule ma saranno forniti i materiali e le strumentazioni necessarie per lo svolgimento di lezioni adeguate.

All'interno del complesso si prevede di inserire anche dei punti di ritrovo per fornire alla comunità non solo un centro didattico ma anche un luogo dove potersi incontrare, rispondendo alle esigenze della collettività che abita il territorio.

La speranza è riuscire a realizzare questo nuovo polo culturale ma anche, in una fase successiva, ristrutturare e ampliare il preesistente complesso della scuola media. 

PISA  

Il progetto prevede la realizzazione di 5 strutture distinte:

  • UFFICI e LABORATORI (362 mq)

Il posizionamento a nord rispetto all'intero complesso permette l'accesso anche alla scuola media, e da centralità agli ambienti della presidenza e della segreteria. All'interno di questo corpo trovano spazio anche un laboratorio ed una sala computer.

  • AULE A (400 mq)

Ad est del complesso quattro aule, di dimensione media di 80 mq, permettono la possibilità di accorparsi in due unici grandi ambienti, con capacità di circa cinquanta alunni l'uno, tramite l'apertura delle pareti divisorie mobili che le classi condividono.​

BAYE MOR DIENG

  • AULE B (340 mq)

All'interno del blocco sud sono presenti ulteriori quattro aule, di dimensione media di 70 mq, con una conformazione che riprende la divisione degli ambienti del blocco "AULE A", e ad essi attigui.

  • MENSA (467 mq)

La mensa, collocata ad ovest, è dimensionata in modo tale da poter garantire il servizio sia agli alunni del complesso superiore, sia ai ragazzi che frequentano le scuole medie. Il blocco acquisisce in questo modo anche la funzione di luogo di incontro e convivialità.

  • BIBLIOTECA (21 mq)

La biblioteca, centro geometrico del progetto, è pensata per poter essere utilizzata dalla comunità anche al di fuori dell'orario delle lezioni.

Tutte queste strutture sono collegate tra di loro grazie alla presenza di ampi percorsi dotati di sedute e coperti da teli per mitigare l'effetto di irraggiamento solare.

Si prevede l'utilizzo di colori e stili locali in segno di rispetto dell'ambiente, della cultura e della comunità del luogo; un esempio è la scelta dei mattoni in terra cruda per la realizzazione del rivestimento esterno.

Altri accorgimenti architettonici come le schermature realizzate in pareti traforate davanti alle grandi vetrate  proteggono gli ambienti interni dai raggi solari e dalle alte temperature.

bottom of page